Benvenuti a Lisciano Niccone      

 
English   Deutsch
Français

LISCIANO NICCONE

Turismo
Come arrivarci
Manifestazioni

Ospitalità
Alberghi
Agriturismo
Residence-Appartam.
Ristoranti & C.

vai a ...
Umbria
Comprensorio di Città di Castello

 

.

Metti qui il tuo banner

per saperne di più
scrivici
.

.

 

.
Il Castello

 
Il Municipio

 
I girasoli

Lisciano Niccone
Le sue origini sono antichissime e il territorio fu certamente sottoposto agli Etruschi come è attestato dal non lontano ipogeo di Villa Sagraia e dal villaggio fortificato di Bellona sulla cima del Monte Murlo.
Sicuramente nel 217 a.c. dopo la sfortunata battaglia del Trasimeno le popolazioni di Lisciano e di Bellona offrirono il loro aiuto ai soldati romani scampati alla strage e per questo AnnibaIe mise a ferro e fuoco il territorio.
È possibile che Lisciano debba il suo nome a un Lisius o a un Licius che vi ebbe dei possedimenti nel periodo romano. L'aggiunta del nome Niccone è legata all'omonimo torrente che taglia in tutta la sua lunghezza la Val di Pierle e che i Monaci dell'antica Abbazia di S. Benedetto, della quale si vedono ancora dei ruderi a metà monte, cominciarono a bonificare per primi.
Del Pian di Marte, situato a poca distanza da Lisciano, sembra essere nativo l'imperatore romano Pertinace sucessore di Commodo. Tutta la Valle, inoltre nel periodo bizantino assunse un'importante posizione strategica in quanto permetteva le comunicazioni, attraverso uno stretto corridoio ben fortificato, tra Roma e Ravenna passando per Perugia e per l'Alta Valle del Tevere. I castelli di Lisciano, Pierle, Danciano, Pugnano, Sorbello, e Reschio testimoniano l'esistenza di questa linea difensiva.
Nel 1202 il castello di Lisciano per mezzo dei Marchesi del Monte che lo possedevano, si pose sotto la protezione di Perugia. Dopo un breve periodo in cui il castello di Lisciano appartenne alla Famiglia Casali di Cortona nel 1479 tornò sotto il governo pontificio e vi restò fino a quanto nel 1861 fu unito al regno d'Italia.

Da vedere:
sulla collina di fronte al paese l'antico castello di Lisciano ancora in grado di suscitare profonde emozioni e, nelle vicinanze i castelli di Reschio, di Sorbello e di Pierle;
la Chiesa di S. Tommaso e quella di S. Maria delle Corti.

Da scoprire:
salendo per la strada che porta a Tuoro la stupenda vista del Lago Trasimeno che si gode dalla Cima Gosparini e proseguendo verso Borghetto, il luogo dove si svolse la famosa battaglia di Annibale contro i Romani guidati dal console Flaminio.

Da non perdere:
la possibilità di compiere delle stupende escursioni in un ambiente naturale ancora intatto. La sagra del bringolo, una specialità gastronomica locale, che si svolge nel mese di Luglio.

Da acquistare:
formaggi genuini prodotti dai pastori che si trovano nella zona, funghi e castagne nel periodo stagionale.

 

.
webmaster argoweb.it