Benvenuti a Monte Santa Maria Tiberina      

 
English   Deutsch
Français

MONTE SANTA MARIA TIBERINA

Turismo
Come arrivarci
Manifestazioni

Ospitalità
Alberghi
Agriturismo
Appartamenti
Ristoranti & C.

vai a ...
Umbria
Comprensorio di Città di Castello

 

.

Metti qui il tuo banner

per saperne di più
scrivici
.

.

 

.
Il centro storico
Il centro storico

 
il borgo
Il borgo

 
i tartufi
I tartufi

Monte Santa Maria Tiberina
Ha origine antichissime e, come dimostrato dai vicini depositi di bronzi di Trestina e di Fabbrecce trovati nel secolo passato, fu certamente un villaggio etrusco situato alla destra del Tevere in posizione avanzata per scambi commerciali con i vicini Umbri.
Il paese che mantiene intatto il suo tessuto urbanistico medievale si trova in ridente posizione panoramica da dove si gode una vista indimenticabile su tutta la Valle.
A partire dal secolo XI fu feudo dei Marchesi del Monte discendenti di quei Marchesi del Colle che venuti in Italia al seguito dei Franchi conquistarono gran parte dell'Alta Valle del Tevere costruendo rocche e castelli in diversi punti strategici.
Dopo la distruzione del Castello avvenuta nel 1198 per dissidi con Innocenzo III i Marchesi lo ricostruirono subito dopo legando strettamente la loro storia a quella del Monte S. Maria Tiberina. Essi infatti con abile politica ottennero da papi ed impera-tori concessioni e privilegi riuscendo a mantenersi indipendenti e ben saldi al potere ricoprendo spesso importanti cariche pubbliche nelle città vicine.
Sembra che in questo periodo il Monte S. Maria Tiberina in base a tali permessi fosse libero di dichiarare guerra e di battere moneta e che ospitasse uno dei tre campi franchi esistenti in Europa dove si potevano svolgere liberamente duelli all'ultimo sangue.
Il marchesato fu retto dai discendenti dei diversi rami della Famiglia fino al 1815 allorquando il Duca Ferdinando di Toscana se ne impossessò interrompendo il millenario dominio dei Bourbon del Monte.
Nel 1859 entrò a far parte del Regno d'Italia.

Da vedere:
l'antica Pieve sorta attorno al mille con un interessante fonte battesimale in pietra, i resti di due sarcofagi e la cappella della Famiglia Bourbon con una stupenda cancellata in ferro battuto.
I Palazzi dei Marchesi, il Castello di Lippiano, l'Abbazia e la Torre di Marzana, il Campeggio.

Da scoprire:
la buca delle lettere anonime del Castello dei Bourbon, il Monte Favalto, il luogo vicino alla Chiesa di S. Agostino dove nel medioevo si svolgevano i duelli, i vari affioramenti miocenici con fossili dello stesso periodo.

Da non perdere:
la processione nel giorno dell'Ascensione: (il Sindaco, come vuole un'antica tradizione, consegna all'entrata del paese le chiavi d'argento alla Madonna che poi viene portata in solenne processione);
i festeggiamenti nel periodo di Ferragosto, e le varie specialità gastronomiche (le chicche), il mercato dell'ultimo giorno di settembre a Lippiano.

Da acquistare:
funghi e tartufi nel periodo stagionale, formaggi, salumi e vini.

 

.
webmaster argoweb.it